Matrimonio in spiaggia: come organizzarlo

Un matrimonio in spiaggia è il sogno di molte coppie di futuri sposi ed è una delle richieste più ambite ad oggi soprattutto nella stagione estiva. Dopo aver consigliato nell’articolo precedente “Come organizzare un matrimonio perfetto ” andremo a scoprire nel dettaglio come pianificare al meglio un matrimonio in spiaggia.

Celebrare il rito religioso in spiaggia

Dal 2013 è stata liberalizzata la cerimonia civile in spiaggia, diversi comuni marittimi italiani, infatti mandando ai futuri sposi un funzionario a celebrare il rito religioso nel luogo scelto. Un’ottima notizia per tutte le coppie che sognano di sposarsi in riva al mare, basterà solamente svolgere le pratiche burocratiche di rito e, una volta richiesto il permesso, scegliere lo stabilimento balneare dove poter andare a svolgere la cerimonia religiosa e di conseguenza anche il ricevimento.

Matrimonio in spiaggia: le decorazioni

Dopo aver scelto la location con vista mare, un aspetto da tenere in considerazione sono le decorazioni, si può partire dalle partecipazioni fino ad arrivare alla torta, e tutti i restanti dettagli delle vostre nozze. Tra gli elementi più indicati a tema mare troviamo:

  • Perle
  • Conchiglie
  • Sabbia
  • Stelle marine
  • Sassi
  • Cavallucci marini
  • Lanterne
  • Fari
  • Barche a vela
  • Corde intrecciate

Matrimonio civile in spiaggia: la scelta del colore

Il mare offre nella sua naturale bellezza diverse sfumature cromatiche, un consiglio è di selezionare un colore principale che sarà abbinato alla tematica dell’evento.
Le tonalità più utilizzate per il matrimonio a tema mare sono:

  1. Blu navy
  2. Sabbia
  3. Bianco
  4. Corallo
  5. Beige
  6. Turchese

Si consiglia di mantenere come scelta cromatica di base il bianco e di aggiungere poi un colore che diventerà il principale dell’evento, di conseguenza quindi le restanti tonalità che verranno utilizzate per le decorazioni (partecipazioni, allestimenti, torta, fiori ecc.).

matrimonio-in-spiaggia

Matrimonio a tema spiaggia con l’abito giusto

Ad oggi gli atelier di abiti da sposa propongono vestiti adatti a qualsiasi evento, quindi la scelta dell’abito giusto per il matrimonio in spiaggia sarà molto semplice. L’importante è optare per degli abiti non aderenti come lo stile impero, o a sirena, per facilitare così i movimenti e camminare in riva al mare con disinvoltura. Potete cogliere l’occasione per indossare un abito da sposa corto o a due pezzi (gonna e top) con l’addome ricoperto di ricami e pizzi.
Evitate i tessuti rigidi e corposi e indirizzatevi verso stoffe leggere come la seta, lo chiffon ed il lino così da rimanere fresca, comoda e in stile con il tipo di nozze.

I colori più gettonati che risaltano sotto la luce del sole oltre al bianco sono: l’azzurro, il beige, il rosa o lo champagne.

Matrimonio in spiaggia: il bouquet e gli allestimenti

Per gli allestimenti floreali ed il bouquet c’è una vasta scelta di idee da valutare, sicuramente il messaggio da trasmettere sarà leggerezza e freschezza. Si possono scegliere quali elementi di richiamo inserire come ad esempio:

Il bouquet:

Si possono scegliere dei fiori bianchi e aggiungere un nastro di raso color acquamarina o dei ciondoli a forma di conchiglia o stella marina;
Si può far inserire all’interno del bouquet degli elementi marini come coralli, conchiglie, stelle marine, facendolo diventare assolutamente chic e originale.

Gli allestimenti:

L’atmosfera da ricercare è quella del rumore del mare in sottofondo, che crea un suono naturale coinvolgente e rilassante, punti di luce sparsi per la spiaggia con un alternanza di fiaccole e lanterne, cuscini, pouf e tappeti con ordine sparso cullati da leggerissimi tessuti di chiffon e seta ondeggiati con armonia dalla brezza marina.

Il risultato finale lascerà i vostri invitati sbalorditi da così tanta bellezza naturale e cura nei dettagli del vostro stupendo matrimonio.

Comments

  1. […] sono sposi che sognano di organizzare un matrimonio in spiaggia, o su un elegante terrazza con vista lago, o in un antico castello e c’è chi mira ad […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *